Instruments News a cura di Giuseppe Donatiello

Prima del 30/03/2016 a cura di Giancarlo Calzetta

  • 24/05/2017 - Omegon oculari serie Oberon 82°
  • 14/05/2017 - QHYCCD 168C ColdMOS

    QHYCCD 168C ColdMOS

    QHYCCD 168C ColdMOS

    Dopo l’atteso annuncio occorso alcuni mesi fa, è ora in produzione e disponibile presso i rivenditori italiani la nuova ColdMOS del noto produttore asiatico. La QHYCCD 168C è quanto di meglio sia oggi disponibile in fatto di camere CMOS raffreddate per via di alcune caratteristiche tecniche che ne fanno la migliore scelta rispetto alle classiche DSLR modificate.

     

    La camera utilizza l’eccellente sensore CMOS Sony EXMOR IMX071 a colori, caratterizzato da bassissimo rumore di lettura (e-1), in formato APS-C con matrice pari a 4952x3288 pixel quadrati da 4.8 μm e quindi abbastanza ampi da garantire una certa efficienza in fatto di sensibilità e full-well capacity. Pur essendo un 16MP - e sappiamo che ci sono camere Cold CMOS anche con sensori più larghi perché già presentate nelle nostre Instrumets News - la nuova 168C non fa rimpiangere la gran parte delle reflex, con il vantaggio di essere già priva di tutte le limitazioni ad eccezione della dipendenza dal PC per la gestione. La nuova camera può quindi essere collegata al telescopio, ma anche, mediante gli opportuni adattatori, alle ottiche fotografiche nella focale desiderata. La connessione avviene mediante cavo USB 3.0 ad alta velocità ma, grazie alla memoria interna da 128MB, la 168C garantisce un ottimale flusso dati senza perdite nelle lunghe esposizioni, così come nelle applicazioni video a basso livello di luce (perciò non necessariamente a carattere astronomico) a 10 fps in piena risoluzione e 15 in formato 4K, per spettacolari time-lapse. La QHY 168C, nel confronto con altre camere, utilizza un convertitore a 14bit in luogo dei 12, passando così da 4096 a 16384 livelli di colore in formato RAW.

    Anche la 168C propone un efficiente sistema di riduzione dell’amp glow nel sensore, unito a quello anti appannamento per la finestra ottica. Tutta l’elettronica è raffreddata a -40°C sotto la temperatura ambiente da un doppio stadio TEC.

    IL prezzo è di €1899 presso ArteSky, mentre altre dettagliate informazioni tecniche, driver e vari software di gestione sono liberamente scaricabili dal sito http://www.qhyccd.com

     

     

     

     

     

  • 14/05/2017 - Pegasus Astro Ultimate Powerbox
  • 06/05/2017 - Omegon Rifrattori Apocromatici ED Triplet OTA AP 80/480 e AP 152/1200
  • 06/05/2017 - Takahashi Mewlon 180C
  • 22/04/2017 - Oculari Sky-Watcher serie Sky Panorama UWA 82°
  • 19/04/2017 - Hypercam IMX 183C Altair Astro
  • 07/04/2017 - Controller per osservatorio Dragonfly
  • 05/04/2017 - Nikon binocoli astronomici WX 7x50 IF e WX 10x50 IF
  • 04/04/2017 - Losmandy montatura equatoriale GM811
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri