Instruments News a cura di Giuseppe Donatiello

Prima del 30/03/2016 a cura di Giancarlo Calzetta

  • 15/10/2017 - Focheggiatore Newton Sky-Watcher 2' Ultra Light
  • 13/10/2017 - Montatura RainBowAstro RST150
  • 01/10/2017 - Meade Series 6000 ED APO 70mm Astrograph Quadruplet
  • 27/09/2017 - QHY50GX

    QHY50GX

    QHY50GX

    L’avevamo anticipato da queste pagine circa un anno fa e ribadito sul n. 300 di Nuovo Orione presentando la QHY183C, ma adesso la QHY50GX non è più un progetto ed è pronta per le prime consegne.

     QHY50GX è una camera CCD raffreddata che imbarca un sensore da ben 50MP con pixel quadrati da 6μm, progettata per essere collocata al primo fuoco di ottiche a riflessione molto luminose, come newtoniani e i sistemi Fastar con un’ostruzione pari a 132 mm, ma ovviamente anche nel fuoco di un qualsiasi strumento adeguatamente corretto per un campo di almeno 62 mm per illuminare efficacemente il generoso sensore KAF50100 da 49x36 mm, con la bellezza di 8208x6164 pixel (con microlenti) stipati nella sua matrice.

    Per l’uso al primo fuoco, la nuova CCD introduce alcune novità sia nel design sia nel sistema di dissipazione del calore prodotto dal TEC a doppio stadio, deputato a un liquido refrigerante, al fine di evitare dannose turbolenze invisibili all'occhio nudo, ma inesorabilmente registrabili sulle immagini catturate. Per tale ragione avevamo specificato che le normali CCD e ColdMOS dotate di dissipatore a ventola non sono indicate nell’uso al primo fuoco. Per la comunicazione, oltre che con l’USB 3.0, la QHY50GX si avvale di una connessione GigaE per uno stabile trasferimento dati sino a 100 m mediante 2 o 4 canali indipendenti a 16bit ADU, con tempi di lettura veloce sino a 3 sec/frame. La camera include un otturatore elettromeccanico da 65 mm per esposizioni da 1ms a 3600 sec, una memoria interna buffer SDRAM da 32MB. L’alimentazione è a 12V separata per la camera CCD e per il sistema di refrigerazione con consumo di 40W.

    Pur non essendo stato ancora comunicato, il prezzo non dovrebbe essere propriamente popolare ma comunque accessibile a una fetta abbastanza ampia di utenti in possesso di ottiche adeguate al suo proficuo utilizzo, con target di riferimento gli Osservatori di Associazioni e Istituti.

     

     

     

     

  • 20/09/2017 - Omegon Ultralight Filterrad 5x1.25''
  • 11/09/2017 - Altair Astro rifrattore doppietto Serie Wave 125 EDF f/7.8
  • 06/09/2017 - Omegon ADC correttore di dispersione atmosferica
  • 21/08/2017 - Omegon Telescopi OTA Pro Astrograph 154/600 e 203/800
  • 26/07/2017 - APM Prisma di Herschel 2' Ceramic Safety
  • 26/07/2017 - SBIG camere CCD Aluma Series
Ricerca
  • Le Stelle
    171
  • Nuovo Orione
    305
  • Libri