Sky News a cura di Tiziano Magni

  • 10/04/2018 - Eclissi, transiti e occultazioni dei satelliti di Giove per le prossime settimane
  • 21/02/2018 - Una difficile occultazione di Aldebaran
  • 09/01/2018 - Parata di pianeti all’alba
  • 12/12/2017 - Sorvolo di (3200) Phaeton, il progenitore delle Geminidi

    Sorvolo di (3200) Phaeton, il progenitore delle Geminidi

    Sorvolo di (3200) Phaeton, il progenitore delle Geminidi

    Sorvolo di (3200) Phaeton, il progenitore delle Geminidi

     

    Nella seconda decade di dicembre il nostro pianeta viene avvicinato dall’asteroide (3200) Phaeton, un oggetto appartenente alla categoria dei NEO (Near Earth Objects) le cui dimensioni sono valutate in 5 km.

    La minima distanza di 10.312.000 km viene raggiunta pochi minuti prima della mezzanotte di Tempo Civile tra il 16 e il 17 dicembre, con (3200) Phaeton che risulta osservabile con l’ausilio di un binocolo o di un telescopio amatoriale come un flebile punto luminoso di magnitudine +11,1 in rapido movimento, quasi 40’/ora, tra le stelle della costellazione di Andromeda; l’asteroide è comunque più luminoso della magnitudine +11 fin dalle ore serali del 12 dicembre e raggiunge la massima luminosità apparente (magnitudine +10,7) nelle prime ore del giorno 14.

    Quello attuale è il passaggio maggiormente ravvicinato degli ultimi quarant’anni e per il prossimo “sorvolo” ad una distanza paragonabile bisognerà attendere fino al mese di dicembre del 2050, ma è nel 2093 che (3200) Phaeton sfreccerà a poco meno di 3 milioni di km dalla Terra!

    L’asteroide non pone comunque rischi, poiché la sua orbita è conosciuta con precisione sufficiente da poter escludere, per alcune migliaia di anni, ogni possibilità di “impatto” con il nostro pianeta.

    Ciò che però rende l’asteroide così interessante da farne oggetto di studi approfonditi da parte degli astronomi fin dalla sua scoperta nel 1983, da parte del satellite per osservazioni infrarosse IRAS, è la sua orbita, praticamente identica a quella delle particelle che costituiscono lo sciame meteorico delle Geminidi, il cui massimo cade proprio in questi giorni. Ma (3200) Phaeton non è una cometa, come i corpi progenitori di tutti gli altri sciami meteorici, e gli studi finora compiuti suggeriscono che possa trattarsi non del nucleo estinto di un’antica cometa ma di un frammento del pianetino (2) Pallas, uno dei corpi di maggiori dimensioni della fascia degli asteroidi.

    La vicinanza alla Terra di (3200) Phaeton nei giorni in cui sono visibili le Geminidi nell’opinione degli esperti non dovrebbe comunque influenzare il numero di meteore osservabili.

     

     

    Nella mappa è riportato il percorso apparente dell’asteroide fino al 19 dicembre.

  • 10/12/2017 - Massimo dello sciame meteorico delle Geminidi
  • 27/11/2017 - La 'Superluna' del gelo e quella dei lupi
  • 06/11/2017 - “Flyby” autunnali
  • 25/09/2017 - C/2017 O1 (ASASSN) una cometa autunnale
  • 04/09/2017 - Esteso gruppo di macchie solari AR 2673
  • 27/08/2017 - Sorvolo di (3122) Florence
Ricerca
  • Le Stelle
    182
  • Nuovo Orione
    316
  • Libri