Sky News a cura di Tiziano Magni

  • 11/03/2016 - Il sorvolo, passato quasi inosservato, di 2016 DV1

    Il sorvolo, passato quasi inosservato, di 2016 DV1

    Il sorvolo, passato quasi inosservato, di 2016 DV1

    Come spesso capita quando si pubblicano notizie su alcuni generi di eventi celesti, le news si trasformano rapidamente e irrimediabilmente, in “olds”.

    Ciò è successo anche con l'elenco dei passaggi a distanza ravvicinata dalla Terra di asteroidi e comete inserito a fine febbraio nelle Sky News: tra i sorvoli riportati mancava quello dell'asteroide 2016 DV1, con dimensioni dell'ordine di qualche decina di metri, che il 3 marzo sarebbe passato a meno di 400.000 km dal nostro pianeta. L’asteroide è stato scoperto il 28 febbraio e i primi elementi orbitali sono stati pubblicati nella MPEC 2016-D64 del 29 febbraio e successivamente aggiornati nella MPE 2016-E12 del 2 marzo, pochi giorni dopo la pubblicazione della news! 

    Oggetti paragonabili, al “confine” tra asteroidi e “massi di medie dimensioni”, in transito a meno di un milione di km dalla Terra, vengono scoperti quasi quitodianamente dalle grandi 'survey' automatizzate e le orbite calcolate variano sensibilmente con l'aggiunta di nuove osservazioni: non è infrequente vedere pubblicata una previsione di sorvolo a 10.000 – 20.000 km variare nel giro di poche ore fino a 200.000 – 400.000 km! 

    È quasi impossibile rimanere aggiornati su gran parte degli avvistamenti di questi “sassi celesti” e solo i siti dedicati ai Near Earth Objects (NEO) aggiornati in tempo reale, come quello del JPL all'indirizzo http://neo.jpl.nasa.gov/ca/ ne danno notizia.

    Ma il transito di 2016 DV1 a 396.000 km dalla Terra, poco più delle dimensioni medie dell'orbita lunare, grazie al coordinamento tra osservatori e scienziati che si occupano di osservazioni radar, ha permesso a questi ultimi di rilevare l'eco radar dell'asteroide di impulsi inviati con l'antenna di 34 metri del Deep Space Communications Complex di Goldstone e ricevuti con quella di 100 metri del radio osservatorio di Green Bank.

    Dalle osservazioni è risultato che 2016 DV1 è di forma allungata con dimensioni variabili tra 15 e 45 metri a seconda della 'faccia' orientata verso le antenne; la rotazione è decisamente veloce, con un periodo valutato in 304 +/- 8 secondi, consistente con misure ottiche della sua curva di luce.

    Le immagini 'sintetizzate', presentate nell'animazione, hanno una risoluzione di circa 3,75 metri e coprono all'incirca una rotazione completa dell'asteroide.

     

  • 27/02/2016 - Incontri ravvicinati di fine inverno
  • 26/02/2016 - Osserviamo la prima falce di Luna crescente la sera del 9 marzo
  • 15/02/2016 - Eclissi, transiti e occultazioni dei satelliti di Giove fino al 5 marzo
  • 12/02/2016 - Transiti serali della Stazione Spaziale Internazionale
  • 05/02/2016 - Osserviamo il gruppo di macchie solari AR2494
  • 27/01/2016 - Eclissi, transiti e occultazioni dei satelliti di Giove
  • 21/01/2016 - Una spettacolare parata mattutina di pianeti
  • 05/01/2016 - La cometa C/2013 US10 (Catalina) nel 2016
  • 06/11/2015 - KIC 8462852: una strana stella osservata da Kepler
Ricerca
  • Le Stelle
    173
  • Nuovo Orione
    307
  • Libri